Il Settimo senso. Psicologia dell’umorismo. Intervista al dott Forabosco, psicologo clinico e autore.

Circa due mesi fa, avevo voglia di leggere qualcosa di utile per il mio benessere e la mia formazione e mi inbatto in questo Testo. Il Settimo senso. Psicologia del senso dell’umorismo con istruzioni per l’uso.

Il Settimo senso

L’ho preso al volo e letto in due giorni. Poi, essendo in arrivo le ferie, ho lasciato le sudate carte, ma mi son ripromesso di riprenderlo in mano.

In questi giorni l’ho fatto e mi son detto: “Perchè non chiamare l’autore e proporgli un’intervista ?”

Detto fatto. Ecco l’intervista. Qui lascio una breve presentazione del Dott Giovannatonio Forabosco.

Giovannantonio Forabosco, vive a Ravenna dove svolge attività di psicologo clinico presso l’USSL locale.

E’ membro dell’International Society for Humor Studies e del Board of Consulting editors di Hmour; InternationalJournal of Humour Research.

Ha tradotto e curato l’edizione italiana di Psicologia dello Humor (F. Angeli) e pubblicato Il settimo senso: psicologia del senso dell’umorismo (Muzzio).

Il Settimo senso

Il Settimo senso

Chi sei ?

Sono una persona a cui spetta anagraficamente il titolo di “anziano”. Appartengo, tra l’altro, a un tempo arcaico in cui il passaggio dal “lei” al “tu” richiedeva tempo e rituali.

Ho lavorato come psicologo in psichiatria (Dipartimento di Salute Mentale).

Come mai ti sei avvicinato al mondo dell’umorismo ?

E’ stato un incontro che farei fatica a ricostruire. La molla è stata la curiosità per un fenomeno divertente per natura e misterioso per struttura.

Ho iniziato con la tesi di specializzazione in psicologia nel 1973 (“Psicologia dell’umorismo”) e non ho più smesso, anche se con intermittenze e difficili compatibilità con i tempi lavorativi.

Il Settimo senso

Il Settimo senso

Ci puoi dare una tua definizione personale di umorismo ?

La parola “definizione” implica qualcosa di definitivo. Siamo ancora a descrizioni parziali e temporanee, attraverso modelli e teorie in continua evoluzione.  

Non esiste una formula breve che racchiuda l’essenza dell’umorismo. Possiamo parlare di aspetti, caratteristiche, funzioni. Entrano in questo discorso il concetto di “incongruità” (aspetti cognitivi), di divertimento (componente emotiva-affettiva) e tutti gli elementi di contenuto (aggressivi, sessuali ecc.) e di relazione.

“Umorismo” è ancora un termine semi-primitivo, più identificabile per intuizione che per definizione.

Che impatto può avere sulle persone ?

Sono piuttosto convinto che l’umorismo non sia un fattore decisivo nella vita delle persone (se non in via eccezionale), ma ha sicuramente un ruolo significativo, spesso neppure rilevato perché dato per scontato nella vita quotidiana.

In generale ha un impatto positivo e anche molto positivo per alleggerire il peso del vivere. Alcune volte, soprattutto nella forma del sarcasmo, può ferire ed essere dannoso.

Nel bullismo per esempio il deridere la vittima è parte del gioco sadico. Ma, per altro verso, sono tante i contesti e i modi in cui l’umorismo è usato in chiave di aiuto e benessere, nel suo impiego in psicoterapia, nelle relazioni di aiuto, nel clowning ospedaliero e in altri ambiti.

Dalla tua esperienza, che uso possiamo fare dell’umorismo ?

Le funzioni sono varie. E’ un facilitatore dei rapporti, un mezzo di comunicazione particolarmente efficace per gestire conflittualità, è un rasserenatore. Per alcuni queste, e altre, funzioni vengono svolte in modo spontaneo. Per altri possono essere favorite con esperienze mirate, incluse forme di apprendimento specifico in corsi e attività apposite.

Ci sintetizzi di che cosa tratta il tuo libro il Sesto Senso ?

Il senso in questione è indicato come settimo perché il sesto posto era già occupato. Ma è il caso di notare che almeno una caratteristica del sesto senso, una particolare capacità intuitiva, è rilevante anche per l’umorismo.

Questo riguarda sia il capire una battuta, come anche il capire quando non è il caso di farne. Il libro è una ampia carrellata su tutti gli aspetti che la ricerca scientifica ha prodotto (dopo quella filosofica e con il vantaggio di salire sulle spalle dei grandi filosofi, come Aristotele, Platone, fino a Kant, Bergson ecc.).

I vari capitoli sono dedicati a temi come i meccanismi dell’umorismo, le sue funzioni, i test del QU, quoziente di umorismo, l’umorismo a scuola, la pubblicità e così via. 

Dove ti posso trovare i miei lettori ?

Principalmente nel sito ricercaumorismo.it. E’ in via di uscita anche la Rivista Italiana di Studi sull’Umorismo (RISU) di cui ho affidato la direzione a due colleghi che da anni si occupano della materia. Il sito è ancora in costruzione ma si può vedere in anteprima: risu.biz.

Giovanni Garavello
 

Giornalista RadioTv. Attore Umorista, Coach e Humor coach.

Click Here to Leave a Comment Below 0 comments